bye-bye 2020

 

Cari tutti,

giunti alla fine di questo 2020, le incertezze rimangono forti per la nostra professione e per il  comune bisogno di poesia e di arte. Nel corso di questo anno abbiamo ripreso il nostro percorso artistico spostando calendari e facendo tutto il possibile per mantenere viva la possibilità di incontrarci e continuare a lavorare insieme.

Non avremmo potuto farlo senza il supporto di coloro che hanno lavorato per preservare la sicurezza delle persone mantenendo viva ogni forma culturale, anche in presenza: un ringraziamento speciale a Giovanna Gosio, Michele Di Mauro, Andrea Adriatico e Stefano Casi, Saverio Peschechera e Giorgia Brignani, Gloria Giovannini e Marifè Signy, Alessandra Ferraro e Pako Graziani, Pedro Senna Nunes e Ana Rita Barata,  Momi Falchi e Tore Muroni, Irene Pipicelli, Begoña Izquierdo Negredo, Andrea Sozzi, Isabel Barros e Lucinda Gomes, Teresa Noronha Feio ed Elisa Sbaragli, Luisa Pellegrino, Emanuele Berardo e Francesca Perlo.

Che l’arte possa essere una forza propulsiva per tutti noi, possa aiutarci a diventare più consapevoli di ciò che intorno a noi vive e chiede la nostra attenzione e un nostro cambiamento.

Seguendo le parole di Ohad Naharin, – “danzare significa permettere al caos di trovare la sua zona di conforto, significa essere nel pieno di una tempesta, che è un posto molto tranquillo”-, l’augurio di incontrare questo luogo, proprio nel mezzo di una tempesta, attraverso la danza, la musica, il teatro. Soprattutto senza mai smettere di cercarlo!

Augurandovi un 2021 di incontri, ricchi scambi, scoperte e nuove felicità!
A presto!!

2020 memories