“Sono corpi afflitti da situazioni allergiche, cui reagiscono esprimendo il disagio come Sara Marasso e Jessica Bellarosa in Lego o come nell’incomunicabilità di Bruno catalano e Simona Blaser in Geometrie Imperfette”
C. Allasia, La Repubblica 2006

“Ehi guarda cosa stanno facendo?” “ Nice! Look at!”. “Deve essere una pubblicità”. “Boh!”. All’incirca questi i commenti dei passanti ai Blitz metropolitani organizzati da Natalia Casorati per il Festival Interplay e Torinodanza in quattro boutique di via Roma ieri tra le cinque e le diciannove. Ma la maggior parte del pubblico seduto comodamente per terra, di fronte alle vetrine dove lo show si ripeteva ogni quarto d’ora sapeva perfettamente quel che succedeva. Gente del ramo? In ogni caso abituata alle performances che non si aspettava necessariamente di vedere ballare cosa che la “danzatrici” di oggi, e li più che mai, si guardavano bene dal fare. Ad eccezione di Sara Marasso e Lorena Tadorni nel negozio di Strenesse. Dove le due danzatrici postmoderne eseguivano zomppettando e con aria svagata un divertente passo a due tra vecchi esemplari di barbie e cicciobelli.
C. Allasia, La Repubblica, 2005