L’infanzia come età surreale,
tempo del costruire e del distruggere,
del fare e del disfare: percorsi, passaggi, labirinti, legami.
Costruzioni tra sé e le cose e tra sé e l’altro che creano lo spazio scenico come in un gioco da bambini:
facciamo finta che… e basta un segno per terra.

credits:

ideazione e coreografia: Sara Marasso
danza: Sara Marasso, Lorena Tadorni, Jessica Bellarosa
musiche: Dani Siciliano
produzione: IL CANTIERE – associazione culturale

Lo spettacolo, creato per il festival Internazionale di danza in paesaggio urbano Lugar a Dança di Lisbona, è liberamente ispirato al romanzo di Amelie Nothomb “Sabotaggio d’Amore”.

Alla musica ho affidato il compito di esprimere la forza di resistenza, attaccamento e non adattamento, la vitalità rumorosa e disordinata dell’ infanzia. Al movimento la possibilità esprimere quel corpo a corpo con le cose, quel sentirsi pezzi unici e perfetti nell’imperfezione, al centro del mondo e centro di proiezione dello sguardo.

246_4685

debutto: 10 Luglio 2005, Lisbona, Portogallo, con il supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di LisbonaFestival Internazionale di danza in paesaggio urbano Lugar à Dança.

storico: 28 luglio 2006, Calamandrana Alta – Asti – Festival Teatro e Colline di Calamandrana; 9 Maggio 2006, Teatro Astra – Torino – Festival Interplay/06 Danza di Parole inserito nei Focus di TorinoDanza e Torino Capitale Mondiale del Libro; 23 Novembre 2005, Torino – Contrappunti 7ed; 30 Settembre 2005, Torino Notte Bianca; 16 Settembre 2005, Pescara – Festival Nazionale della Performance Linguaggi

LEGO BLITZ

Un adattamento per vetrina di negozio dello spettacolo Lego è stato presentato nella sezione Blitz Metropolitani del Festival Interplay 05/ Il Rumore della danza Focus 8 di Torinodanza , Torino.

6 e 18 Maggio 2005, Strenesse – via Roma e nell’atrio dell’Università di Palazzo Nuovo, Università degli Studi di Torino