Statement

@mattia barbieri

Creazione contemporanea come incontro tra diversi linguaggi e pratiche di ricerca: Il Cantiere sviluppa produzioni per spazi teatrali e site-specific basate su una prospettiva interdisciplinare che connette arte visiva, nuove tecnologie e composizione musicale contemporanea.

Nato nel 2000 a Torino, prende il nome da un progetto di riqualificazione di uno spazio urbano in cantiere d’arte. Nomade per vocazione, non ha sede stabile, ma luoghi diversificati per le sue attività di produzione e formazione. Collabora con artisti, associazioni, enti ed istituzioni del territorio e con organismi nazionali ed internazionali.

Dal 2014 la direzione artistica, affidata alla danzatrice e coreografa Sara Marasso, si è ampliata grazie alla collaborazione stabile con il musicista, bassista e compositore Stefano Risso aprendo una fase di progettualità artistica condivisa in cui è presente una forte relazione tra suono e movimento, sempre più spesso in un’ottica cross-disciplinare. Dal 2016 i progetti del Cantiere hanno coinvolto l’artista visiva e danzatrice Fenia Kotsopoulou. La direzione tecnica è affidata a Davide Rigodanza.

(Clicca sull’immagine per approfondire)

@Mazzoli
@galerieMazzoli

Sara Marasso

Parallelamente a studi di cinema, inizia ad interessarsi alla danza contemporanea incontrando a Torino A. Sagna, M. Francia, G. Rossi, P. Bianchi. Prosegue i suoi studi presso il Laban Centre for Contemporary Dance di Londra e Parigi, dove ottiene un diploma post-laurea presso il dipartimento danza dell’Université Paris VIII. Approfondisce danza contemporanea, contact e improvvisazione, Body mind centering, Laban studies e yoga con P. Kyupers, A. de L. Harwood, J. Hamilton, C. Diverrès, W. Vandekeybus, S. Sandroni. Pratica e insegna l’Iyengar yoga.

Fin dall’inizio la sua formazione collega teoria e pratica di svariate tecniche di movimento, alla costante ricerca di un linguaggio contemporaneo per la danza che si pone in stretta relazione con altre forme di espressione artistica, sviluppando una precisa ricerca personale che definisce “corpo-grafie”.
Le sue creazioni coreografiche sono presentate in numerosi festival nazionali ed internazionali di danza contemporanea e arti performative, tra cui Torinodanza Festival, Interplay, Les Repérages, Tanzmesse Düsseldorf, Charleroi Dance, Festival da Fabrica, FKM Belgrad, Festival Havana Vieja, Signal e Autunno Danza e in diversi altri significativi progetti internazionali di creazione site-specific. Negli ultimi anni ha ricevuto importanti riconoscimenti di critica e il supporto produttivo di enti pubblici e privati tra i quali il Ministero per i Beni e Attività Culturali, Torinodanza Festival, Autunno Danza Festival, NEC nucleo de experimentaçao coreografica, Compagnia di San Paolo.

@galerieMazzoli
@galerieMazzoli

Stefano Risso

La sua grande passione per la canzone lo mantiene sempre a cavallo fra la musica strumentale (jazz, avant-garde) e la musica vocale (rock, folk e d’autore). Ha scritto e prodotto per il teatro e ha collaborato con progetti musicali personali con scrittori e video artisti. Ha all’attivo più di cinquanta dischi, molti dei quali realizzati come leader o co-leader (HellmullerRissoZanoli, Barber Mouse, T.R.E., Vocifero, Les diables Bleus, fra gli altri), con etichette italiane, francesi, inglesi, finlandesi, svizzere e giapponesi, votati e riconosciuti dalle riviste specializzate dei differenti paesi.

Eclettico e curioso, ha suonato con musicisti e gruppi molto diversi fra loro, come Stefano Battaglia, Gianni Coscia, Roy Paci, Francesco De Gregori, Lalli, Meg.
I suoi lavori hanno ricevuto ampio riconoscimento dalla critica. Interviste e approfondimenti sui suoi progetti personali e collettivi compaiono nelle principali riviste italiane di settore, come Jazzit e Musica Jazz, e sui siti web specializzati, quali All About Jazz e Jazz Convention. E’ insegnante presso il Conservatorio di Trento.