“(…)Tra le punte di diamante della nuova scena.” 
C. Allasia, La Repubblica, 2012

“When I dance..è un’evoluzione dall’ascolto introspettivo della forma assolo al duo come primo nucleo di comunicazione interpersonale. Ma non inganni la parola, declinata con humour in questa coreografia, il suo esercizio è solo un gioco: “quando danzo, danzo”. Al centro della composizione resta la danza e il suo statuto di arte dove è il corpo “pensante” a dire.” 
C. Castellazzi, Tuttodanza, 2012

“Il progetto When I dance, I dance… ribadisce la fiducia nella danza come segno scenico autonomo. La certezza che la danza possa fungere da mezzo comunicativo capace di elaborare un linguaggio sufficientemente articolato da non dover competere con altri in grado di meglio sviluppare temi e riflessioni.”
Tuttoteatro, 2012